L'ISTRICE

Guarda le VideoConversazioni di Luciano Simonelli: Clicca Qui >>>
Quando le notizie pungono


Le Rubriche


 
Sommario
Libri
SeBook
Ex Libris
Dialettando.com
Home Page Simonel
The Web Park Speaker's Corner
   
 


di memoria, cultura e molto altro...      Ravenna, 28 Novembre 2013



<<< NOVITÀ
Clicca Qui per Scaricare le Prime 15 Pagine di “Assaggio” del Libro «Una Canzone al Giorno»
n.1  2  3  4   5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59  60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79  80  81  82  83  84  85  86  87  88  89  90  91  92  93  94  95  96  97  98  99  100  101  102  103  104  105  106  107  108  109  110  111  112  113  114  115  116  117  118  119  120  121  122  123  124  125  126  127  128  129  130  131  132  133  134  135  136  137  138  140  141  142  143  144  145  146  147  148  149  150  151  152  153  154  155  156  157  158  159  160  161  162  163  164  165  166  167  168  169  170  171  172  173  174  175  176  177  178  179  180  181  182  183  184  185  186  187  188  189  190  191  192  193  194  195  196  197  198  199  200  201  202  203  204  205  206  207  208  209  210  211  212  213  214  215  216  217  218  219  220  221  222  223  224  225  226  227  228  229  230  231  232  233  234  235  236  237  238  239  240  241  242  243  244  245  246  247  248  249  250  251  252  253  254  255  256  257  258  259  260  261 262 263  264  265  266  267  268  269  270  271  272  273  274  275  276  277  278  279  280  281  282  283  284  285  286  287  288  289  290  291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314
315 316 317 318 319  320


Ti sei perso una cosa...Le VideoConversazioni di Luciano Simonelli. Se hai un collegamento ADSL, Guardale



Franco Gàbici è Premio Guidarello di Giornalismo.

Fra Gadda e Proust

  Il 14 novembre è una data importante del mio calendario privato. Quel giorno, infatti, dell’anno 1893, nasceva a Milano un certo Carlo Emilio Gadda, lo scrittore ingegnere della nostra letteratura al quale tempo fa, Dio mio quanto tempo fa davvero, dedicai un saggetto dal titolo “Gadda il dolore della cognizione” che l’amico editore Simonelli ebbe la bontà di pubblicare.
Il titolo è bello, ma non è farina del sacco mio. Fu dovuto a una geniale intuizione di un altro carissimo amico, finissimo critico letterario che risponde al nome di Claudio Toscani. Ma il 14 novembre ricorda anche un importante anniversario. Il 14 novembre del 1913, e dunque esattamente cento anni fa, annunciato da un articolo-intervista di Élie-Joseph Bois apparso due giorni prima su “Le Temps”, usciva presso il giovane editore parigino Bernard Grasset ┬źDu côté de chez Swann┬╗ (nella traduzione italiana “La strada di Swann”), primo volume della Recherche (“Alla ricerca del tempo perduto”) di Marcel Proust, all’epoca poco più che quarantenne e con alle spalle già alcune prove narrative (Il piacere e i giorni, Jean Santeuil…).
Il volume, in realtà, recava come “finito di stampare” la data dell’8 novembre, ma a causa dei comprensibili ritardi che fan da corona quasi sempre all’uscita di un libro, il romanzo apparve solamente una settimana dopo. Proust credeva molto in questa sua opera ma dello stesso avviso non furono gli editori, che in tre occasioni gli rifiutarono il dattiloscritto.
Il primo a respingere il lavoro di Proust, nell’ottobre del 1912, era stato Fasquelle, l’editore di Zola e di Rostand, e pochi mesi dopo anche la prestigiosa “Nouvelle Revue Francaise” aveva detto di no per bocca di André Gide che per la verità si dice avesse dato una scorsa sommaria al dattiloscritto o più verosimilmente pare che non lo avesse nemmeno letto perché Proust non si era ancora liberato da quella sua fama di viveur che agli occhi di Gide lo faceva apparire come un dilettante della letteratura e dunque non degno di particolari attenzioni.
La terza bocciatura, infine, venne da Ollendorf.
Ma Proust, come si dice, non si dette per vinto e dal momento che non gli mancavano i denari, si recò dal giovane editore Grasset con una allettante proposta. Non solo, infatti, avrebbe coperto tutte le spese per la pubblicazione e la pubblicità, ma gli avrebbe anche lasciato tutto il ricavato delle vendite.
Le prime recensioni non furono tutte benevole. Ci fu addirittura chi lo tacciò di “dilettante” e che definì il libro un’opera “disorganizzata, senza forma e senza scelte”, un libro insomma che era “tutto il contrario dell’opera d’arte”.
Ma evidentemente il libro incontrò i favori del pubblico perché già all’inizio di dicembre l’editore pubblicò una seconda edizione, questa volta accollandosi le spese e offrendo a Proust il 10 per cento come diritto d’autore. E prima dello scoppio della prima guerra mondiale il romanzo era già arrivato alla sesta edizione. Nel frattempo arrivano a Proust anche le scuse ufficiali di Gide che definisce il rifiuto del suo libro “uno dei rimpianti e dei rimorsi più cocenti della mia vita”.
E nel mare magnum delle recensioni va ricordata quella di Lucio D’Ambra (pseudonimo di Renato Eduardo Manganella), giornalista e regista cinematografico italiano, che un mese dopo l’uscita di Du côté de chez Swann scrisse sulla rivista “Rassegna contemporanea” una recensione che aveva tutta l’aria della profezia. D’Ambra, infatti, invitava i lettori, come diremmo oggi, a “memorizzare” il nome dell’autore e il titolo del romanzo perché fra cinquant’anni, a suo dire, sarebbe stato accomunato ai grandi romanzi di Stendhal. E D’Ambra aveva visto giusto perché, pochi giorni dopo, Henry James scrisse a Proust che il suo era il più grande romanzo dopo La certosa di Parma!
Il secondo volume della Recherche, All’ombra delle fanciulle in fiore, sarà pubblicato sei anni più tardi, nel 1919, e la grande “cattedrale”, come Proust stesso definì la sua opera, terminerà postuma nel 1927 con il settimo volume, Il tempo ritrovato. Proust era morto da cinque anni e il suo nome era già entrato di diritto fra i grandi della letteratura mondiale.

Franco Gàbici

Se hai un collegamento veloce ADSL clicca sulla freccia e guarda la VideoLettura delle pagine che Franco Gàbici dedica a “Nel Blu dipinto di Blu” di Domenico Modugno e Franco Migliacci nel suo “Una Canzone al Giorno”, il libro per “riascoltare” la colonna sonora dei favolosi Anni Sessanta.




 

Simonelli Editore consiglia di leggere:
Una Canzone al Giorno  di Franco Gàbici
Gadda - Il dolore della cognizione  di Franco Gàbici
Basta una e-mail a ed@simonel.com per ricevere i due volumi comodamente a casa contrassegno.
<<<< NOVITÀ! - ORDINA SUBITO

Franco Gàbici (Ravenna, 22 maggio 1943). Laureato in fisica, è stato dal 1985 al 2008 direttore del Planetario e del Museo di scienze naturali di Ravenna. Giornalista pubblicista, collabora con articoli di scienza e costume ai quotidiani Il Resto del Carlino - La Nazione - Il Giorno - Avvenire. E' direttore responsabile della rivista Gnomonica e redattore di Nuova Civiltà delle Macchine. Presidente del comitato ravennate della "Dante Alighieri" è autore di numerosi saggi di storia locale ("Ravenna: cento anni di cinema", "Leopardi turista per caso"...), ha scritto "Didattica col Planetario" (La Nuova Italia, 1989) ed è autore dell'unica biografia di don Anacleto Bendazzi, considerato il più grande enigmista italiano ("Sulle rime del don", Ravenna, Essegì, 1996), "Gadda - Il dolore della cognizione" (Simonelli Editore, 2002; SeBook, 2004), "Buon Compleanno,ONLY YOU!" (Simonelli Editore, SeBook, 2005), Una Canzone al Giorno" (Simonelli Editore, 2007).



 


Franco Gabici

Diventa anche tu Amico

Diventa anche tu Amico

Guarda Le VideoConversazioni
di Luciano Simonelli

Su facebook
The Web Park
Speaker's Corner

PARTECIPA!
 .
 

Diventa anche tu Amico

Diventa anche tu Amico

Diventa anche tu Amico

Diventa anche tu Amico

 .
© Copyright Simonelli Editore - All the rights are worldwide reserved