L'ISTRICE

Guarda le VideoConversazioni di Luciano Simonelli: Clicca Qui >>>
Quando le notizie pungono


Le Rubriche


 
Sommario
Libri
SeBook
Ex Libris
Dialettando.com
Home Page Simonel
The Web Park Speaker's Corner
   
 


di memoria, cultura e molto altro...      Ravenna, 29 Settembre 2008



<<< NOVITÀ
Clicca Qui per Scaricare le Prime 15 Pagine di “Assaggio” del Libro «Una Canzone al Giorno»
n.1  2  3  4   5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59  60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79  80  81  82  83  84  85  86  87  88  89  90  91  92  93  94  95  96  97  98  99  100  101  102  103  104  105  106  107  108  109  110  111  112  113  114  115  116  117  118  119  120  121  122  123  124  125  126  127  128  129  130  131  132  133  134  135  136  137  138  140  141  142  143  144  145  146  147  148  149  150  151  152  153  154  155  156  157  158  159  160  161  162  163  164  165  166  167  168  169  170  171  172  173  174  175  176  177  178  179  180  181  182  183  184  185  186  187  188  189  190  191  192  193  194  195  196  197  198  199  200  201  202  203  204  205  206  207  208  209  210  211  212  213  214  215  216  217  218  219  220  221  222  223  224  225  226  227  228  229  230  231  232  233  234  235  236
 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260
 261 262 263


Ti sei perso una cosa...Le VideoConversazioni di Luciano Simonelli. Se hai un collegamento ADSL, Guardale



CONGRATULAZIONI a Franco Gàbici: Premio Guidarello di Giornalismo 2008.
Clicca Qui e Scarica Gratis le Prime 15 Pagine di «Una Canzone al Giorno» di Franco Gàbici

  Peppino Di Capri:
  Cinquant’anni
  di canzoni


  Cinquant’anni fa, il 26 settembre del 1958, un giovanotto di diciannove anni, magro, un po’ zazzeruto e provvisto di grandi occhialini neri entrava nella sala di incisione di una importante casa discografica milanese.   Si era sciroppato un viaggio di oltre mille chilometri insieme a quattro compagni di ventura che avevano stipato fino all’inverosimile una vecchia Fiat 1100. Era avvenuto tutto così all’improvviso che quando i cinque entrarono nella sala d’incisione non avevano nemmeno un nome, nome che poi sarebbe scaturito quando quelli della casa discografica li raggiunsero con una telefonata per chiedere come diavolo li avrebbero dovuti chiamare.
  I cinque erano del tutto impreparati alla domanda e a questo punto il chitarrista Mario Cenci si rivolse al cantante e gli disse: siccome tu ti chiami Peppino e vieni da Capri, ti chiamerai Peppino di Capri.
  Quella di aggiungere al nome il paese d’origine era un’operazione che aveva portato fortuna ad alcuni suoi illustri connazionali come Leonardo da Vinci e Pico della Mirandola, tanto per fare due esempi. E a considerare come in futuro si sarebbero dipanate le cose, quel nome gli portò molta fortuna.
  Peppino di Capri esordì con Let me cry, una composizione del suo chitarrista, e con altri nove brani che finirono tutti in cinque 45 giri e, caso unico nella storia della musica leggera, perfino in un 33 giri, ancorché da 25 centimetri. Nessun cantante, infatti, aveva mai esordito con un 33, essendo il 33 un punto di arrivo, una tappa fondamentale della carriera e non certo il punto di partenza.
  Avrete capito, miei cari lettori, che sono un Peppinofilo della prima ora, e quando il Peppino, coi suoi Rockers (anche questo nome fu un’idea del chitarrista Cenci), cominciò a volare nell’universo delle sette note, i tempi erano magrissimi e sì e no si riusciva a strappare dalla paghetta settimanale qualche spicciolo che dopo un paio di mesi riusciva a raggiungere la quota per acquistare un 45 che a quei tempi costava intorno alle 600 lire (con lo sconto, però).
  I 33 giri appartenevano decisamente ad un altro mondo. Si sapeva che esistevano, ma pochissimi erano i fortunati che potevano permettersi di portarli a casa. Questo per dirvi che il primo 33 giri di Peppino io non l’ho mai visto, anche se mi vergogno ad ammetterlo. Ma avevo appena quindici anni e un 33 costava quasi 3 mila lire. Proibitivo. Tutt’al più ci si poteva accontentare di un extended play, un 45 che conteneva quattro brani e che aveva sempre delle belle copertine a colori. Costavano circa 1100 lire, se proprio lo volete sapere.

Perché non capite “Una Canzone al Giorno”?
  Le canzoni di Peppino, che in questo settembre festeggia i suoi primi cinquant’anni di carriera, hanno accompagnato tutti i miei anni liceali.
  Le conoscevo tutte a memoria, con tanto di autori e molte riuscivo anche a cantarle accompagnandomi con la chitarra, che non essendo elettrica, non poteva riprodurre certi effetti di eco o di vibrati che conferivano alla canzone un’atmosfera tutta particolare. Come Ghiaccio, ad esempio, o Teach you to rock o When o quel fantastico inizio di Nun è peccato. Ragazzi che emozioni quando il chitarrone di Mario Cenci liberava questi suoni!
  Ma anche il sassofono di Gabriele Varano era magico.
  Pensate all’inciso di Let me cry o al duetto con la chitarra in Malatia o a Lassame. Allora erano pochissimi gli effetti e gli accorgimenti nelle sale d’incisione eppure in Voce ‘e notte si era riusciti a ricreare la voce del mare facendo agitare della sabbia dentro a un barattolo e forse il batterista Ettore Falconieri, detto Bebè, usava un barattolo per dare la cadenza a I’ te vurria vasà ottenendo un effetto incredibile.
  Completava il quartetto dei Rockers il bassista Pino Amenta, che in Speedy Gonzales si esibiva nel lallalààààà iniziale e dava la voce al topolino.
  In quella prima fantastica stagione targata “Carisch” (questa era la sua prima casa discografica che lo mise sotto contratto) Peppino sfornò 90 singoli, 17 EP e nove 33, una stagione che si concluse undici anni dopo, il 2 settembre del 1969, con Munastero ‘e Santa Chiara e Malafemmena dell’indimenticabile Totò.
Se hai un collegamento veloce ADSL clicca sulla freccia e guarda la VideoLettura delle pagine che Franco Gàbici dedica a “Nel Blu dipinto di Blu” di Domenico Modugno e Franco Migliacci nel suo “Una Canzone al Giorno”, il libro per “riascoltare” la colonna sonora dei favolosi Anni Sessanta.
  Ma già i Rockers non erano più quelli di prima. Della vecchia guardia restarono Ettore Falconieri e Pino Amenta mentre Piero Braggi sostituì il chitarrista Cenci e Gianfranco Raffaldi sostituì con le tastiere il sassofono di Varano.
  Ma Peppino restò Peppino, anche quando fondò la Splasch e lanciò il suo primo 33 della nuova serie, con copertina apribile ricoperta di velluto rosso. E dentro si leggevano queste bellissime considerazioni di Giuseppe Marotta: «La tua voce, dopo tutto, è la migliore del mondo: la sola che sembra uscire dal mio guanciale e rientrarvi. E’ nuova ed è antica. Cantami una mezza Canzone appassiunata, arrangiata da te. Così la mia scialba morte sarà di oggi e di ieri, dondolante fra il 1961 e il 1920, una morte senza età».
  Occorreva un poeta per definire la voce dell’isola, che oggi compie cinquant’anni di carriera. Ad multos annos, caro Peppino, voce fantastica che ha fatto da colonna sonora agli anni più spensierati della nostra vita. Avevo riempito i nastri del mio Geloso con i successi di Peppino, registrati in maniera artigianale da una vecchia radio durante il «Quarto d’ora Carish» che trasmetteva sempre due canzoni del Peppino intervallate da altri interpreti, come il cantante Gianni Mascolo o il complesso de «I cinque Rizzo». E alla sera, mentre compicciavo i compiti per il giorno dopo, mi lasciavo cullare da quelle canzoni e immaginavo il Peppino con le sue giacche di lamè che allestivano un’atmosfera che nemmeno il brandy reclamizzato da Gino Cervi riusciva a creare.
  Ma Peppino era Peppino e la sua voce era la chiave che apriva lo scrigno dei nostri sogni beati.
Se hai un collegamento veloce ADSL clicca sulla freccia e guarda la VideoConversazione su “Una Canzone al Giorno” per riascoltare la colonna sonora dei favolosi Anni Sessanta.

Franco Gàbici

P.S. - Molte canzoni di Peppino di Capri sono state inserite nel mio libro «Una canzone al giorno» (Simonelli Editore). Affrettatevi a leggerlo, non ve ne pentirete.

Commenta quanto hai letto sul Blog che dà liberamente voce al pensiero di tutti:
The Web Park Speaker's Corner
Per scrivere a Franco Gàbici Clicca qui


 

Simonelli Editore consiglia di leggere:
Una Canzone al Giorno  di Franco Gàbici
Gadda - Il dolore della cognizione  di Franco Gàbici
Basta una e-mail a ed@simonel.com per ricevere i due volumi comodamente a casa contrassegno.
<<<< NOVITÀ! - ORDINA SUBITO

Franco Gàbici (Ravenna, 22 maggio 1943). Laureato in fisica, è direttore del Planetario e del Museo di scienze naturali di Ravenna. Giornalista pubblicista, collabora con articoli di scienza e costume ai quotidiani Il Resto del Carlino - La Nazione - Il Giorno - Avvenire e all'inserto "Tuttoscienze" de La Stampa. E' presidente della sezione ravennate della "Dante Alighieri". Oltre a una ventina di saggi di storia locale ("Ravenna: cento anni di cinema", "Leopardi turista per caso"...), ha scritto "Didattica col Planetario" (La Nuova Italia, 1989) ed è autore dell'unica biografia di don Anacleto Bendazzi, considerato il più grande enigmista italiano ("Sulle rime del don", Ravenna, Essegì, 1996), "Gadda - Il dolore della cognizione" (Simonelli Editore, 2002; SeBook, 2004), "Buon Compleanno,ONLY YOU!" (Simonelli Editore, SeBook, 2005), Una Canzone al Giorno" (Simonelli Editore, 2007).



 
Ebook Reader 468 x 60La Nuova E(Ri)voluzione della Lettura
ECCEZIONALE PER I NOSTRI LETTORI: 25 Euro di sconto per chi acquista BEB00K entro Dicembre>>>


Franco Gabici
Google Gruppi
Iscriviti al NUOVO
The Web Park Speaker's Corner
di Simonelli Editore
Email:
Partecipa a questo gruppo

ebook readers 170x120 Eccezionale per i nostri lettori: 25 EURO di sconto per chi acquista BEBOOK entro Dicembre >>>

Guarda Le VideoConversazioni
di Luciano Simonelli

ebooks reader 120x600

Sei una Banca o un imprenditore e vorresti fare un'intelligente sponsorizzazione culturale? Scrivici: ed@simonel.com
Noi qualche idea interessante ce l'abbiamo...
CLICCA QUI

Google Gruppi
Iscriviti al NUOVO
The Web Park Speaker's Corner
di Simonelli Editore
Email:
Partecipa a questo gruppo
 .
 

 .
© Copyright Simonelli Editore - All the rights are worldwide reserved