L'ISTRICE


Quando le notizie pungono


Le Rubriche


 

Sommario

Libri

SeBook

Ex Libris

Dialettando.com

Home Page Simonel

The Web Park Speaker's Corner

   

 


di memoria, cultura e molto altro... 



 
<<< NOVITA' in SeBook ed Ex Libris
n. 1  2  3  4   5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28 
29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59  60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79  80  81  82  83  84  85  86  87  88  89  90  91  92  93  94  95  96  97  98  99  100  101  102  103  104  105  106  107  108  109  110  111  112  113  114  115  116  117  118  119  120  121  122  123  124  125  126  127  128  129  130  131  132  133  134  135  136  137  138  139  140  141  142  143  144  145  146  147  148  149  150  151  152  153  154  155  156  157  158  159  160  161  162  163  164  165  166  167  168  169  170  171  172  173  174  175  176  177  178  179  180  181  182  183  184
Ravenna, 17 dicembre 2005

< Io voglio restare vivo!

Sereno Natale e ottimo 2006
ma Senza Astrologi, please...
 

   In questi giorni di fine anno, fra luminarie che sballonzolano sulle vie intasate da gente iperindaffarata a far fuori la tredicesima tutta spesa in regali la maggior parte dei quali resta inutilizzata dentro ai cassetti o in qualche angolo della casa, in questi giorni – dicevo – mi viene sempre in mente quell’operetta di Leopardi sul venditore degli almanacchi freschi di giornata con le speranze legate a quei foglietti che come foglie al vento si disperderanno nel corso di trecentosessantacinque giorni (se volete potete aggiungere anche le sei ore e una manciata di secondi) che si squaderneranno davanti a noi nel prossimo 2006.
   E’ il periodo in cui gli astrologi lustrano i loro attrezzi e regalano all’umanitÓ le previsioni suddivise segno per segno e la gente le beve tutte quante e magari pure ci crede ma nessuno, credo, in questo periodo, fa quello che dovrebbe fare ciascuno di noi, vale a dire andare a riesumare le previsioni del 2005 e confrontarle con i reali accadimenti. Penso che ne vedremo delle belle. Ma nonostante tutto gli astrologi continuano a tirare e ormai ce li troviamo dentro al caffelatte la mattina e questo non Ŕ giusto. Faccio riferimento agli astrologi da tiv¨, quelli che si esibiscono nelle reti nazionali, quelle per le quali si paga il canone (appartengo alla schiera di italiani che ha sempre pagato il canone, anno per anno…) e allora non Ŕ giusto che i nostri soldi vadano a finire nelle tasche di questa gente che predica ogni mattina sullo svolgersi della giornata e che siano tutte cose un po’ cosý lo dimostra il fatto che non ho mai sentito un oroscopo che reciti pi¨ o meno cosý: “Chi Ŕ nato sotto il segno Pinco e Palla questa mattina, recandosi al lavoro, andrÓ a finire sotto un’automobile e si romperÓ qualcosa. Se Ŕ il giorno sfortunato la frattura potrebbe interessare entrambi gli altri, se viceversa la giornata sarÓ definita fra quelle fortunate la frattura interesserÓ solamente un arto”.
   E invece le previsione della giornata sono sempre rosee, fortuna al gioco (ma chi ha tempo, dico io, di andare a giocare?), incontro con una persona che non si vedeva da tempo (ma chi Ŕ quella persona che, vivendo all’interno del consorzio umano, non ha la ventura di incontrare qualcuno?) ma la profezia pi¨ bella Ŕ quella che fa presente il passaggio di un periodo abbastanza difficile (che tuttavia sarÓ superato brillantemente perchÚ gli astri, guarda te, si dispongono in modo tale da far passare tutto in fretta), ma a meno che uno non abbia la sensibilitÓ di un ippopotamo, come diceva Gadda, tutti stiamo attraversando momenti difficili e dunque le previsioni astrologiche sanno proprio di aria fritta, di quella buona. Per questo motivo io mi fido solamente delle previsioni di noi astronomi perchÚ le nostre previsioni sono basate sul calcolo e sulle leggi matematiche. Potete star certi che la prossima estate vedremo splendere nelle nostre notti il “triangolo estivo” e che nel periodo intorno al 10 agosto cadranno le stelle. Il 29 marzo ci sarÓ una bella eclissi totale di Sole visibile in Libia e in quell’occasione la nostra stella diventerÓ nera per 4 minuti mentre noi, dall’Italia, siamo neri per molto di pi¨. E la Luna? Si eclisserÓ in penombra il 14 marzo ma il fenomeno sarÓ praticamente per soli addetti ai lavori, mentre il 7 settembre una eclissi di Luna sarÓ visibile per la delizia degli astrofili.
   Come pensiero conclusivo, permettetemi di passarvi questo consiglio che fu elargito da un medico nel programma Elisir. In questi giorni di fine anno ci si abbuffa a tavola e poi magari ci si pente perchÚ si pensa al colesterolo, agli zuccheri e ai trigliceridi. Si mangia col senso di colpa e ci si ingrassa altrettanto. E il consiglio del medico dietista era questo: “Tutti si preoccupano di come mangiare fra il Natale e il 6 gennaio. Provate, invece, a preoccuparvi di quello che mangerete fra il 6 gennaio e Natale!”. Come consiglio mi sembra molto saggio. E ve lo passo pari pari insieme ai miei auguri per un sereno Natale e un ottimo 2006.

Franco GÓbici

Simonelli Editore consiglia di leggere:
Gadda - Il dolore della cognizione  di Franco GÓbici
Basta una e-mail a ed@simonel.com per riceverlo comodamente a casa contrassegno.
...e ora anche in versione SeBook, SimonellielectronicBook, l'Economica On Line, insieme con la NovitÓ soltanto in edizione elettronica ed Ex Libris
Buon Compleanno,ONLY YOU!

 

Franco GÓbici (Ravenna, 22 maggio 1943). Laureato in fisica, Ŕ direttore del Planetario e del Museo di scienze naturali di Ravenna. Giornalista pubblicista, collabora con articoli di scienza e costume ai quotidiani Il Resto del Carlino-La Nazione-Il Giorno, Avvenire e all'inserto "Tuttoscienze" de La Stampa. E' presidente della sezione ravennate della "Dante Alighieri". Oltre a una ventina di saggi di storia locale ("Ravenna: cento anni di cinema", "Leopardi turista per caso"...), ha scritto "Didattica col Planetario" (La Nuova Italia, 1989) ed Ŕ autore dell'unica biografia di don Anacleto Bendazzi, considerato il pi¨ grande enigmista italiano ("Sulle rime del don", Ravenna, Essegý, 1996), "Gadda - Il dolore della cognizione" (Simonelli Editore, 2002; SeBook, 2004), "Buon Compleanno,ONLY YOU!" (Simonelli Editore, SeBook, 2005).

Google
Web www.simonel.com
Franco Gabici

Di questa rubrica settimanale Ŕ assolutamente vietata la riproduzione senza una autorizzazione scritta della casa editrice. Ogni violazione sarÓ perseguita legalmente

 .
 

ę Copyright Simonelli Editore - All the rights are worldwide reserved