L'ISTRICE
Quando le notizie pungono


Le Rubriche


 
Sommario
Libri
SeBook
Ex Libris
Dialettando.com
Home Page Simonel
The Web Park Speaker's Corner
   
 
Day by Day Pensieri quasi quotidiani ad alta voce -
 
Il più "antico" Blog della Rete: dal maggio 1996...
di Luciano Simonelli
[Non mi conosci? Clicca sul mio nome per sapere chi sono]
Pubblica i tuoi annunci Google AdWords qui su Simonel.com>>>
"Lettera ad un Amico della Terra di Mezzo" di Franco Manni >>
Vuoi essere originale?
Regala e Regalati un eBook:
È semplice, economico
e
arriva subito sul computer.
 In SeBook: Diario del Novecento - Dieci giornalisti e un Editore - Dentro la Danza - 100 Miliardi di Dollari - I Sette Occhi della Vita
«Ho sempre amato la vita. Chi ama la vita non riesce mai ad adeguarsi, subire, farsi comandare. Chi ama la vita è sempre con il fucile alla finestra per difendere la vita. Un essere umano che si adegua, che subisce, che si fa comandare, non è un essere umano»
Oriana Fallaci
 (da un'intervista del 1979, di Luciano Simonelli, approvata dalla scrittrice).


Per ordini solo dall'Italia

Per leggere il Day by Day di ieri clicca qui >>>

Gli ultimi interventi: Non piŁ libri, ma libri-giornali?(23/10/2007) Fra inchieste e precariato(20/10/2007) Perché i critici non leggono i libri?(13/10/2007) A Pontedera esplode la Bibliodiversità(18/09/2007) A Pontedera esplode la Bibliodiversitł(18/09/2007)"Comincia da Susegana la Rivoluzione Digitale dell'Editoria Indipendente?(18/09/2007) "i 4 moschettieri"e "2 anni dopo" di Nizza e Morbelli in Anastatica Digitale(8/09/2007)Per me le vacanze non son un obbligo(30/07/2007)Nulla cambia nell'editoria, bellezza(01/07/2007) Basta con i contributi statali all'editoria quotidiana e periodica(11/06/2007) Dov'è finita la libertà degli intellettuali?(06/06/2007) Visitatori in calo alla Fiera Internazionale del Libro di Torino 2007(17/05/2007) ...e siamo arrivati alla Fiera Internazionale del Libro di Torino(04/05/2007) L'Oasi Protetta della Cultura e delle Tradizioni Popolari Italiane(22/04/2007)Non c'è limite al peggio(23/03/2007) Guardiamoci negli Occhi e Conversiamo(23/02/2007) Forse è cominciata davvero la Trasformazione...(10/02/2007) M come Meritocrazia(23/01/2007) ...e chi l'ha detto che la pubblicazione di un libro non si nega a nessuno?(17/01/2007)   P come Peccioli e Pascoli(10/01/2007)  C come Coraggio(05/01/2007) Tanto per cominciare...(01/01/2007) Grandi redazioni, Grandi giornalisti...(30/12/2006) Pensierini di Natale (23/12/2007)  Nell'Incubo delle FS (12/12/2006) - La Lettera su Copertina  (10/12/2006) - La brutta storia delle foto al ricatto (09/12/2006) - Se guardate la Tv abitualmente...(07/12/2006) - Io l'eBook l'ho servito, in maniera originale (04/12/2006) - Nella confusione del presente guardo al futuro (03/12/2006) - E gli intellettuali? (30/11/2006) - Ieri sera riflettevo con un amico... (29/11/2006) - "Sono sdegnato per l'inqualificabile offesa ai caduti di Nassirya" (19/11/2006) - No, basta guardarlo e ascoltarlo (17/11/2006) - Che cos'è l'Etica? (06/11/2006) - 40 anni fa, a Firenze (04/11/2006) continua...


Sempre avanti, a testa bassa


Se hai un collegamento veloce ADSL clicca sulla freccia e guarda la VideoConversazione su quella che è Ultima Frontiera dell'Editoria Indipendente


Se hai un collegamento veloce ADSL clicca sulla freccia e guarda la VideoConversazione sui finanziamenti statali ai giornali


Se hai un collegamento veloce ADSL clicca sulla freccia e guarda la VideoConversazione sulla MERITOCRAZIA

Se hai un collegamento veloce ADSL clicca sulla freccia e guarda la VideoConversazione sui primi 12 volumi di Proverbi&Modi di Dire nella Altre Lingue d'Italia


  È davvero impossibile non continuare ad indignarsi quando tornano alla memoria realtà come quella di Giuseppe Tomasi di Lampedusa che morì portandosi nella tomba la delusione di vedere rifiutata la pubblicazione del suo "Il Gattopardo" da Elio Vittorini, romanzo che poi, come ben si sa, anni dopo la sua morte non soltanto venne pubblicato ma ebbe un successo clamoroso, una trasposizione cinematografica firmata da Luchino Visconti ed è ormai considerato uno dei classci della letteratura italiana del Novecento. E che dire del cosiddetto caso Guido Morselli ovvero di un autore che soltanto anni dopo il suicidio ebbe finalmente "l'onore" di essere pubblicato e con ottimo successo mentre quando era in vita aveva visto sistematicamente rifiutata la pubblicazione di tutti i suoi romanzi?
  Sì, bisogna dire che la società cultural-editoriale italiana non si è mai negata proprio niente in fatto di cinismo, di provincialismo, di conformismo e, diciamoci la verità, con il vizietto di anteporre a qualsiasi giudizio le piccole e grandi miserie personali, le geliosucce, il fatto che l'autore fosse o meno amico o vicino al clan politico culturale di appartenenza dell'intelletuale giudicante di turno.
  Squallori che hanno creato la cancrena di una società cultural-editoriale in cui forse non si contano sulle dita di una mano le persone che di fronte ad un manoscritto riescono a liberarsi da tutti i loro "affarucci personali" ed emettono seri, onesti ed equilibrati giudizi.
  Una cancrena che ha finito poi per inquinare tutto il resto dei comportamenti in questo ambito. Non è questione di sfumature ma semplicemente di buona educazione scoprire che a proposito di un autore, Mauro Marcialis, che non ho il piacere di conoscere ma che comunque pubblica da Mondadori, si racconta in un articolo a lui dedicato su www.MilanoNera.com il 27 agosto scorso:
"...e si è messo a leggere. Il primo libro è stato “Cento miliardi di dollari” di Luciano Simonelli. Non solo lo ha letto, ma ha cercato di capirne la struttura. A questo libro sono seguiti altri noir tra cui quelli di Ellroy. Appassionatosi, ha iniziato a scrivere..."
  Ho scoperto casualmente online questo passaggio e se da una parte sono lieto che un mio thriller possa aver fatto da scuola ad un nascente scrittore dall'altra mi fa una profonda tristezza vivere in una società cultural-editoriale dove per un verso qualcuno, di fatto, ti assume come una specie di maestro ma dall'altro verso non ha la sensibilità di contattarti o perlomeno di informarti del fatto che un tuo romanzo sia stato un passaggio importante per la sua crescita come scrittore.
  Così va, la vita, amici miei.
  Pensate, quei Cento miliardi di dollari li avevo presentati verso la fine degli Anni Ottanta a chi allora dirigeva la narrativa della Rizzoli e lo sapete che cosa mi venne risposto? Praticamente nulla. Mi venne detto che era un romanzo ambizioso e tutto finì lì. Quando poi, pensate, la Newton e Compton lo pubblicò nel Natale 1995 finì per vendere circa trentamila copie.   Non male, vero?
  Ne scrissi un altro, subito dopo,I Sette Occhi della Vita per lo stesso editore. Ma siccome, nel frattempo, ad occuparsi della narrativa nella casa editrice era arrivato uno di quei tizi che da una vita fanno il buono e il cattivo tempo nel mondo dell'editoria e mescolano la cultura con le gelosiucce, il libro uscì senza il supporto promozionale del precedente. Ma nonostante tutto, le sue diecimila copie le vendette. Un risultato niente affatto marginale. E dopo?
  Il silenzio. In una realtà editoriale italiana in cui tante case editrici portano quasi un cero alla Madonna quando vendono più di mille copie per un titolo, niente: né quella né altre case editrici mi hanno sollecitato ad andare avanti nella mia produzione narrativa. Eppure continuo a ricevere ancora oggi, a dieci anni di distanza dalla pubblicazione di quei due miei thriller, mail di lettori che mi chiedono quando uscirò con un nuovo romanzo...
  Chi mi segue da tempo sa bene che il mio stile di vita sarebbe diverso. Sarebbe quello di chi ha tenuto i propri manoscritti nel cassetto fino a quando era critico letterario militante o direttore editoriale di altre case editrici... ma i tempi cambiano, involgariscono, in una realtà in cui - fate la prova - se sei critico letterario subito esordisci "miracolosamente" come romanziere ovvero usi il tuo ruolo di "potere" per essere pubblicato da qualche grossa casa editrice in cambio, mai ufficialmente dichiarato, di recensioni dei libri della suddetta sul giornale o i giornali su cui si esplica la critica, anche io mi adeguo. Ma credo in maniera almeno, consentitemi, più elegante.
  Dal 2008 riprenderò il filo dei miei thriller, rilancerò i miei due iniziali - che tra l'altro sono tornati di mia completa proprietà e sono già disponibili su eBooksItalia in edizione elettronica - e uscirò con altre mie nuove storie. E lo farś con la mia casa editrice (a meno che non spunti una proposta di qualche grosso gruppo editoriale). Lo farś a partire dall'autunno, nella collana Romanzi&Romanzi, narrativa popolare di qualità, dove escono i Gialli di Maria Santini e dove è stato appena pubblicato un thriller: Operazione Grandi Aristocratici di Domenico Da Binasco.
Quest'ultimo, di cui vedete la riproduzione della copertina all'inizio di questa pagina, è un romanzo per palati fini. Un romanzo che si presenta con due livelli di lettura. Il primo è quello della storia avvincente che racconta, il secondo è quello dei riferimenti culturali, dell'ironia, della capacità di coinvolgere in una esperienza di lettura estremamente originale. Pensate, un thriller di cui è protagonista anche il suo stesso autore... E mi fermo qui perché intorno al suo autore e intorno alla nascita di questo romanzo c'è una storia nella storia: per cominciare a conoscerla andatevi a leggere la scheda.
  Come al solito, amici miei, non sto con le mani in mano. E vado avanti, turandomi il naso e a testa bassa. Sì, certo con quel pizzico di amarezza che hanno tutti coloro i quali non vogliono vivere nel mondo editorial-culturale con la logica delle pubbliche relazioni o del politico e che credono profondamente nella meritocrazia (l'avete visto il mio video sull'argomento? E' uno di quelli che trovate in questa pagina).
Comunque, no problem: deve ancora nascere chi possa davvero condizionare la mia libertł di espressione.

Conversiamone su The Web Park Speaker's Corner
(3 novembre 2007)

(Continua)
Per leggere le pagine precedenti clicca qu sopra


Vi consiglio di andare a vedere cliccando qui come immagina il futuro dell'editoria Editis, uno dei piŁ grandi gruppi editoriali francesi che riunisce piŁ di 40 sigle editoriali, ha 2.400 dipendenti, e la cui produzione spazia dalla varia, ai libri scolastici, ai libri per ragazzi, alle enciclopedie.

 

 

 




 


Luciano Simonelli

Guarda le mie Video Conversazioni
[Se ha un collegamento ADSL: clicca sui titoli e vai a vedere il video]

1. "Lettera ad un Amico della Terra di Mezzo" di F. Manni
2.Gli eBook e il progetto eBooksItalia
3. I formati eBook e come scaricarli
4. Come si acquista un eBook
5. Gli Ex Libris
6. Cari amici editori... 
7. La divulgazione storica in eBook
8.Candida Soror, Liszt, Matilde di Canossa
9.L'uovo del futuro, Nati dalle Stelle,
Il Piccolo Cielo, Buonanotte fra le stelle

10.Dieci giornalisti...
11.Dialettando.com
12."Il Ritorno" di Romano Asuni
13."L'Antica Arte dello Scandalo" di N. Sipos
14."I Chierici Siamo Noi" di E. Falconieri
15. i GIALLI di Maria Santini
16.Gli eBook-Blog di Ely Galleani
17.I Libri di Storia di Luciano Regolo
18."Un Romanzo nel Cestino"
19."SMS d'Amore" e "Amore mio"
20. Conversazione con Franco Manni
21. Dedicato agli Inediti
22. Alberto Viotto e "La rivincita dei computer"
23. 11Anni di Editoria - Prima Parte
24. 11Anni di Editoria - Seconda Parte
25. M come MERITOCRAZIA
26.No, Cari Colleghi giornalisti, così non va...
27.Scrivere o Leggere?
28.Usciti i primi cinque gialli:eccoli
29.Italo Calvino: "Lo scoiattolo della penna"
30.In eBook i Fumetti di Andrea Maturi
31.Ricordo di Luigi Meneghello, The professor
32.Con Nizza e Morbelli Ć nata l'Anastatica Digitale
33.Un sogno...per libri di testo più economici
34.L'Ultima Frontiera degli Editori Indipendenti
35.Basta con i finanziamenti statali ai giornali
36.i Desaparecidos Italiani: gli Intellettuali
37.Già 12 i volumi di Proverbi&Modi di Dire

© Copyright Simonelli® Editore - All the rights are worldwide reserved