L'ISTRICE


Quando le notizie pungono


Le Rubriche


 

Sommario

Libri

SeBook

Ex Libris

Dialettando.com

Home Page Simonel

The Web Park Speaker's Corner

   

 
Cattiverìe Minime dall'Era del Provvisorio.  
di Ermanno Bartoli Rubrica ad aggiornamento settimanale          Perché Cattiverìe?>>>
Reggio Emilia, 9 Dicembre 2006 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8- 9- 10- 11- 12- 13- 14- 15- 16- 17- 18- 19- 20- 21- 22- 23- 24- 25- 26- 27- 28- 29- 30- 31- 32- 33- 34- 35- 36- 37- 38- 39- 40- 41- 42- 43
In SeBook: Il Primo Libro di Barlow
Arroyo Grande e Quadri da Esposizione

Vuoi essere al passo con i tempi?
Regala e Regalati un eBook:
è semplice, economico
e
arriva subito sul tuo computer.

CERTE PERSONE VANNO INGANNATE

° Certe persone vanno ingannate. E sono proprio loro a chiederti, in modo quasi subliminale, di farlo. Spesso sono proprio quelli che auto-erigendosi a paladini non richiesti della verità affermano con forza:
"Io sono per la sincerità" o "La sincerità innanzi tutto", oppure "Con me sempre e comunque la verità".
E poi usano la tua sincerità contro di te; adoperano l'oggettività (la loro oggettività!) per scavarti la fossa e fare il male. parlano male di te, delle persone e delle cose cui tieni, in maniera sistematica; lo fanno davanti e di fianco (alle spalle mai, dicono!). Usano i tuoi pregi contro te stesso medesimo ed il tuo mondo, e i tuoi difetti sempre contro di te ed il tuo mondo. Qualunque cosa tu faccia o dica è sbagliato perché loro, sinceramente, così giudicano che sia. Sparano contro qualsiasi cosa in te si muova o dia prova di vita. Fanno il male a fin di bene. Fortunatamente, assai spesso, più che farlo ne parlano. In confronto ad esse, i calunniatori sono acqua che va e non lascia traccia o quasi. Renderle innocue è un compito; una missione. Parafrasando a rovescio un pensiero di Oscar Wilde. Ingannarle, mentire loro, è più che un piacere: in certi casi diventa infatti un dovere morale.

° Il bene che denuncia il male, facendosi paladino anche compiacente della denuncia, è una cosa. Il bene che denuncia il male per altro fine che non sia innanzi tutto la denuncia, anche compiacente, è uníaltra cosa. Io sono per il primo.

° "Canoni e cannoni"
Stiamo andando verso una società sempre più violenta dove gli assassinii, le stragi e gli ammazzamenti vari si sprecano. Si fatica anche ad arrivare alla fine del mese in una società in cui gli stipendi sono diventati da fame e le famiglie stentano a sopravvivere e a non scivolare sotto la soglia di sopravvivenza; eppure... molti si preoccupano ancora principalmente dei canoni televisivi e telefonici, e fanno fior di lamentazioni e a volte battaglie contro. Non credete che ci sarebbero obiettivi per i quali varrebbe senz'altro di più la pena battersi?

° Pagare le tasse in Italia</b> non è un dovere morale né uno stimolo a contribuire al bene comune... è una cosa da coglioni! Lo dicono anche molti politici. Tranquilli: siamo in buone mani.

° Grazie alla globalizzazione selvaggia </b>la famiglia si sta sfaldando sotto i colpi dei trasferimenti coatti di padri e madri di famiglia dal profondo sud al nord e viceversa, e sotto i colpi di una sopravvivenza sempre più precaria (la miseria non aiuta)... ma con ciò nessuno - e dico nessuno! - da sinistra, dal centro e da destra spende una sola parola; nemmeno la chiesa. Non so voi... io trovo questo silenzio allucinante per non dire peggio.

Grazie dell'attenzione, e, se non ci rileggeremo prima delle feste...

BUON NATALE E FELICE ANNO A TUTTI 

Ermanno Bartoli
Qualche commento da fare? Parliamone su The Web Park Speaker's Corner

Perché queste cattiverìe?
(con l'accento sulla i)
Secondo l'astrologia, nell'equinozio di primavera del 1998 si è entrati nell'era dell'acquario; da questa data il sole non sorgerebbe più nella costellazione dei Pesci, come da 2000 anni accadeva, ma in quella dell'Acquario. Per gli astrologi, entrare in tale era significherebbe mettere piede in un'epoca di nuovi fermenti positivi e si preparerebbe per il mondo un lungo periodo di nuovo amore e di nuove spinte propulsive alla crescita e al benessere di ognuno. Di contro, chi ha occhi per vedere sta assistendo ad un progressivo "imbarbarimento" dei rapporti sociali e fra le nazioni, con un incremento esponenziale di guerre, terrorismo, disagi, disperazione  e precarietà generale. Nei paesi progrediti si sta andando verso quel "Medioevo prossimo venturo" che il prof. Roberto Vacca descrisse magistralmente in un suo libro oltre vent'anni fa. Il lavoro non è più una certezza né un diritto, le famiglie stentano a crescere e a formarsi... anzi si sfaldano sempre più sotto la spinta di trasferimenti coatti, quasi sempre immotivati, di masse di lavoratori che pur di portare a casa la pagnotta si sobbarcano migrazioni che hanno quale unico risultato quello di distruggere i rapporti umani coi loro cari e il tessuto sociale più in generale... La cultura è in via di azzeramento. Il tutto sotto l'arroganza globalizzante e sempre più incontrastata dei potenti.
Secche e brevi, a volte ironiche, queste cattiverìe hanno l'intenzione empirica di aprire varchi per un confronto su quanto sta avvenendo e sull'avanzata travolgente di tanti disvalori. E se qualcuno obietterà che la carne al fuoco è troppa gli dirò che ha ragione... La carne al fuoco è troppa. Ma così sta andando il mondo. E chissà che a parlarne non si esca dall'empirismo delle intenzioni per entrare in qualcosa di costruttivo.

 

 


Ermanno Bartoli poeta e scrittore, è  fra i migliori talenti del panorama culturale italiano indipendente ovvero fuori dai giri e dai "giochi di famiglia" dell'industria culturale. Fa parte di quell'Altra Italia che sogna un mondo culturale in cui trionfi soltanto il talento. Ha firmato per i SeBook Simonelli electronic Book la raccolta di racconti Il Primo Libro di Barlow e la raccolta di versi Arroyo Grande e Quadri da Esposizione: ambedue  disponibili su eBooksItalia.com

Sei una Banca
o un imprenditore
e vorresti fare
un'intelligente sponsorizzazione
culturale?
Scrivici:
ed@simonel.com
Noi qualche idea interessante ce
l'abbiamo...
CLICCA QUI


Creative Commons License
Questa rubrica è  pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.

© Copyright Simonelli Editore - All the rights are worldwide reserved er="0" src="http://www.simonel.com/images9/eBookNatRet.gif" width="125" height="199">