L'ISTRICE


Quando le notizie pungono


Le Rubriche


 

Sommario

Libri

SeBook

Ex Libris

Dialettando.com

Home Page Simonel

The Web Park Speaker's Corner

   

 
la Bacheca Virtuale

di Silvano Calzini

n. 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45 - 46 - 47 - 48 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 55 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72


Quando leggere è un piacere
e una autentica passione
    
Milano, 24 Marzo 2010

Le sciabolate
di Flannery O’Connor

  Una scrittrice che prende i lettori per i panni del petto e li sbatte contro il muro. Si pianta a gambe larghe lì davanti e ti spiattella davanti al muso il suo modo di vedere le cose. O prendere o lasciare. Le sue storie sono delle sciabolate che fanno a fette i falsi moralismi. D’altra parte la vita non ha fatto complimenti con Flannery O’Connor (1925 - 1964). Un’autrice profondamente legata al Sud degli Stati Uniti, una terra dai contrasti accesi, dove il sole picchia forte e la natura non fa sconti. Nata e cresciuta in Georgia nella cosiddetta “Bible belt”, la zona del protestantesimo più profondo e puritano, lei è la scrittrice cattolica per eccellenza. La sua fede è assoluta e incondizionata e la letteratura non è stata altro che un modo per testimoniala. Giustamente è stato detto che la O’Connor non scriveva per l’arte, ma per la verità.
  Salvo qualche breve viaggio al nord, trascorse la maggior parte della sua vita in una fattoria di campagna. Polli, oche e pavoni erano la sua passione. Quando aveva cinque anni insegnò a una gallina a camminare all’indietro; allevava pavoni, andava a cavallo senza sella; a sedici anni cucì dei vestiti per i suoi polli e portò a scuola un gallo come modello per un disegno nell’ora di educazione artistica. Ben presto in lei si manifestò il virus del “lupus eritematoso”, ereditato dal padre, un male terribile e incurabile che le consumò il fisico goccia a goccia e che la ucciderà a soli 39 anni, ma che lei seppe affrontare con dignità e coraggio sostenuta dalle certezze incrollabili della sua fede religiosa.
  Ha scritto numerosi racconti, per molti le sue cose migliori, e un paio di romanzi. La sua letteratura è come la terra in cui è vissuta, ricca di contrasti violenti, con il bene da una parte e il male dall’altra. Al centro di tutto c’è sempre il Mistero divino, a cui la O’Connor crede in modo rigoroso e assoluto. Le sue sono storie violente che stupiscono e sgomentano il lettore, nelle quali si consuma il perenne scontro tra fede e ragione e lei si schiera in modo totale dalla parte della fede. Come nel suo romanzo più celebre, “Il cielo è dei violenti”, uscito nel 1955, la cui vicenda si snoda intorno alla lotta per il controllo del destino di un ragazzo da parte di due adulti: un vecchio zio che è una specie di profeta fondamentalista, intenzionato a trasmettere la sua missione al giovane, e uno zio che è fuggito dalla religione per rifugiarsi in un arido razionalismo. Il giovane protagonista della storia, seppure dubbioso nello scegliere tra una via e l’altra, si sente attratto in modo inesorabile verso la fede. Ci sono scene molto forti, dominate da una violenza estrema per certi versi sconvolgente, ma nell’ottica della O’Connor la violenza diventa uno strumento divino ed è l’unica strada per arrivare alla verità, al riconoscimento del Mistero. È nel male che bisogna cercare il seme divino. Solo passando dal peccato, vissuto in modo totale fino in fondo, è possibile trovare la via della redenzione.
  “Argomento della mia narrativa è l’azione della Grazia in un territorio tenuto in gran parte dal diavolo” ha detto la O’Connor della sua narrativa, che può risultare indigesta per molti lettori, siano essi credenti o agnostici, per il costante rifiuto delle mediazioni e dal lieto fine. Comunque la pensiate, è certo che siamo di fronte a una scrittrice che non lascia indifferenti. Ed è già tutto.


Se hai un collegamento veloce ADSL clicca sulla freccia e guarda il video:
Chi sono gli Intellettuali in Italia?



Silvano Calzini

Inserisci i tuoi commenti su
- The Web Park
Speaker’s Corner

- The eCulture World
by Simonelli Editore

  Silvano Calzini, milanese, laureato in Scienze politiche, terminati gli studi ha iniziato a lavorare come redattore editoriale presso varie case editrici. Oggi, cinquantenne, si è lasciato alle spalle l’entusiasmo iniziale, ma non l’amore per le buone letture, Londra, certi silenzi e altro ancora.  









Ti piacciono queste pagine? Vuoi sostenere L'ISTRICE, questo spazio on line tutto e sempre dalla parte della cultura? Puoi farlo acquistando contrassegno i libri Simonelli Editore (basta una e-mail e non paghi mai, in Italia, le spese postali se l'ordine di almeno 10 euro) oppure, direttamente on line, i SeBook, i SimonellielectronicBook, l'Economica On Line e la loro versione in volume, stampata su richiesta: gli Ex Libris.

Silvano Calzini


Gli eBook Simonelli Editore possono essere letti anche sugli iPhone e sugli iPod touch. Li trovate in vendita nell’Apple Store di iTunes

Ebooksitalia.com

Diventa Fan

Guarda le VideoConversazioni
di Luciano Simonelli
Clicca Qui


Per ordini solo dall'Italia

Simonelli Editore

Diventa Fan

© Copyright Simonelli Editore - All the rights are worldwide reserved