L'ISTRICE


Quando le notizie pungono


Le Rubriche


 

Sommario

Libri

SeBook

Ex Libris

Dialettando.com

Home Page Simonel

The Web Park Speaker's Corner

   

 

la Bacheca Virtuale

di Silvano Calzini

n. 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29


Quando leggere è un piacere
e una autentica passione
    
Milano, 11 Gennaio 2006

Il vagabondo Knut Hamsun

I
l premio Nobel Hamsun, il nazista Hamsun, l’anarchico-reazionario Hamsun, le mille facce di quello che è stato definito l’enigma Hamsun e che possono essere bene riassunte in una delle figure più ricorrenti in tutta l’opera di Hamsun: quella del vagabondo. Un uomo discusso e discutibile Knut Hamsun (1858 – 1952), ma senza alcun dubbio uno scrittore di prima grandezza. I suoi libri hanno segnato una svolta, hanno lasciato il segno e ancora oggi sono attualissimi.
Di fronte all’avanzare irrefrenabile della modernità, messo a confronto con un sistema spietato e per molti versi disumano come quello della società industriale, Hamsun si ritrae atterrito e cerca la salvezza in una fuga senza fine. Il romanzo che gli diede notorietà e successo, “Fame” del 1890, ci fa conoscere il primo di una straordinaria serie di vagabondi, o fuggitivi se preferite. Il protagonista, tra l’altro in buona parte autobiografico, vaga per le strade di Cristiania, il vecchio nome di Oslo, alla costante ricerca di un sistema per sbarcare il lunario, attanagliato dai morsi della fame e della miseria. Una via crucis cittadina, inframmezzata da illusori attimi di speranza, frutto più della mente allucinata del protagonista che della realtà. Alla fine la soluzione migliore è quella di imbarcarsi su una nave e partire. Una sorta di fuga dalla fuga.
Davanti a un mondo che non capisce e non sa accettare, Hamsun si rifugia nell’indagine spasmodica della psiche individuale, come in “Misteri” del 1892, un vero inno all’irrazionalità, all’incoerenza e all’individualismo in contrapposizione alla pretesa di scientificità, all’etica borghese e ai riti disumanizzanti della società di massa. Oppure si abbandona a un idillico ritorno alla natura, come nei bellissimi “Sotto la stella d’autunno” e “Un vagabondo suona in sordina”. Due libri in cui ritroviamo il solito vagabondo che scappa dalla città per seguire il richiamo della campagna, dove spera di ritrovare l’armonia con i ritmi naturali della vita e l’autenticità perduta dei rapporti umani. Romanzi splendidi, ma da leggere in controluce perché dietro la cornice idillica dei boschi e delle montagne il male di vivere torna a mordere l’animo del protagonista. Non c’è più spazio per l’utopia agreste di Hamsun; il suo mondo ideale popolato dalla vecchia aristocrazia e dalla nobiltà terriera è finito una volta per sempre.
Sta qui la vera grandezza di Knut Hamsun, in questa nostalgia di qualcosa che non c’è più e nel tentativo disperato di ritrovare un baricentro nella condizione umana. D’altra parte la percezione della crisi profonda e della condizione di sradicamento dell’uomo moderno è uno dei filoni principali, forse il maggiore, di tutta la cultura del Novecento. Hamsun in questo si dimostra un vero precursore degli altri grandi del romanzo. L’inquietudine e l’alienazione dei suoi personaggi sono le stesse che qualche anno più tardi ritroviamo, se pur in forme diverse, in Celine, Joyce o nel nostro Svevo.
La sua è un’insoddisfazione profonda, un’ansia disperata, una continua fuga verso un impossibile salvezza, che con il passare degli anni lo porteranno sempre più verso il disprezzo per i tempi moderni e per la democrazia, fino a cercare soluzioni sbagliate. In questa ottica penso vada vista la sua adesione al nazismo che alla fine della Seconda guerra mondiale lo trascinerà sul banco degli imputati come collaborazionista nella sua Norvegia. Solo l’età avanzata e il prestigio di cui godeva gli risparmieranno il carcere e porteranno a una soluzione di compromesso.
Dunque, un uomo dalla vita lunghissima e piena di contraddizioni. Leggendo i suoi libri ci si accorge che Hamsun, il grande nemico della modernità, è uno scrittore ultramoderno, anticipatore di tutta la grande letteratura che verrà dopo di lui; uno dei primi a mettere in scena e a rendere protagonista la vita inconscia, con le paure, le angosce e tutto lo smarrimento dell’uomo solo e indifeso davanti alla vita.

Silvano Calzini


Ti piacciono queste pagine? Vuoi sostenere L'ISTRICE, questo spazio on line tutto e sempre dalla parte della cultura? Puoi farlo acquistando contrassegno i libri Simonelli Editore (basta una e-mail) oppure, direttamente on line, i SeBook, i SimonellielectronicBook, l'Economica On Line e la loro versione in volume, stampata su richiesta: gli Ex Libris, i Libri su Misura.


 

© Copyright Simonelli Editore - All the rights are worldwide reserved